VIDEO Fantinati del M5S ‘canta la vita’ a Comunione e Liberazione dal palco del Meeting

Fonte: Termometro Politico

By Giuseppe Spadaro

cl

Sul palco del Meeting di Rimini per denunciare Comunione e Liberazione come la più potente lobby italiana.
Il protagonista della sortita è Mattia Fantinati, deputato del MoVimento 5 Stelle, il cui intervento è stato ripreso dal blog di Grillo.
La parte più dura dell’intervento contro Comunione e Liberazione
“Ed oggi, proprio onestamente sono qui per denunciare come Comunione e Liberazione, la più potente lobby italiana, abbia trasformato l’esperienza spirituale morale, in un paravento di interessi personali, finalizzati sempre e comunque a denaro e potere. La politica deve essere laica, perché deve fare il bene comune, di tutti. Non esiste una politica cristiana, Esiste un cristiano che fa politica. Il Movimento 5 stelle si indigna che si possa strumentalizzare in questo modo tanta brava gente e credenti cattolici. Negli anni avete generato un potere politico capace di influenzare sanità, scuole private cattoliche, università e appalti”.
“Per noi la politica – spiega Mattia Fantinati – è un’altra cosa. Un politico deve essere onesto ed avere il coraggio di dire la verità. Il coraggio di dire sì, e il coraggio di dire no. Indipendentemente da quali siano i propri tornaconti personali. Ho iniziato a fare politica, perché ho capito che finché ci sono sistemi come il vostro, …read more

 

    

Pubblicato in News, Potere e Società | Contrassegnato | Lascia un commento

Fmi ed economia italiana: il rischio delle ‘generazioni perdute’

Fonte: Termometro Politico

By Riccardo Piazza

disoccupazione-usa

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha tracciato un cartiglio importante sulla situazione economica europea e italiana da prendere con le dovute cautele e attenzioni, specie per ciò che riguarda l’analisi sociologica di lungo termine, in aggiunta a quella di facciata lapalissianamente macroeconomica, soggiacente.
Dati macroeconomici
Nell’ultimo rapporto della prestigiosa istituzione di controllo monetario con sede a Washington si legge di alcune buone previsioni di crescita riguardanti l’eurozona con riferimento specifico ad un incremento di massima del Pil dell’1,5 per cento per il 2015 e dell’1,7 per cento per il 2016.
Guardando alla più specifica situazione italiana, tuttavia, il Fmi ha registrato una sintesi analitica di lungo periodo abbastanza scoraggiante. Ciò che viene paventato tra le carte del dossier è infatti una ripresa economica tricolore troppo debole specie considerando l’attuale tasso di disoccupazione, ancora piuttosto elevato rispetto alla media comune europea, ed una inflazione in crescita tendenziale, ma non certo bastevole per poter postulare un sostegno del potere d’acquisto reale. Date queste premesse, arguiscono dagli USA, “occorreranno dieci anni per la Spagna e 20 per Portogallo e Italia prima di poter tornare ai livelli di disoccupazione antecedenti la crisi”.
FMI e le ‘Generazioni perdute’
Se l’organizzazione attualmente presieduta da Christine Lagarde avesse ragione, nell’arco temporale di …read more

 

    

Pubblicato in News, Potere e Società | Lascia un commento

Disoccupazione sale ancora: i dati Istat di giugno

Fonte: Termometro Politico

By Redazione

disoccupazione

Occupazione, giugno un mese nero: 22 mila occupati in meno rispetto al mese precedente, per una percentuale di -0.1, e 40 mila in meno rispetto allo stesso mese dello scorso anno (-0.2%). Sono gli ultimi dati provvisori dell’Istat sull’andamento del mercato del lavoro. I numeri contrastano con quelli di aprile, quando si era registrata una crescita dello 0.6%. Così cresce il tasso di disoccupazione, che raggiunge la quota ancora molto elevata del 12.7%, di nuovo in salita dopo le cifre stazionarie di maggio.
Tasso di occupazione invariato
L’Istituto nazionale di statistica rileva che a giugno “dopo la forte crescita registrata nel mese di aprile (+0,6%) e il calo nel mese di maggio (-0,3%), gli occupati diminuiscono dello 0,1% (-22 mila) rispetto al mese precedente. Il tasso di occupazione, pari al 55,8%, cala nell’ultimo mese di 0,1 punti percentuali. Rispetto a giugno 2014, l’occupazione è in calo dello 0,2% (-40 mila), mentre il tasso di occupazione rimane invariato”.
I giovani ancora i più colpiti
Gli occupati, tra i 15 e 24 anni, diminuiscono del 2.5% rispetto a maggio. Anche il tasso di occupazione giovanile, ora pari al 14.5%, cala di 0.3 punti rispetto al mese precedente. Al contrario aumenta su base mensile il numero di …read more

 

    

Pubblicato in News, Potere e Società | Lascia un commento

Mappa il Pd: ecco i 27 circoli “dannosi”

Fonte: Termometro Politico

By Antonio Atte

pd

La mappatura dei 108 circoli romani del Pd – affidata dal commissario Matteo Orfini a Fabrizio Barca dopo lo scoppio dello scandalo “Mafia Capitale” – si è ufficialmente conclusa. Nel corso della festa dell’Unità di Roma al Parco delle Valli, ieri sera Barca ha presentato la relazione conclusiva elaborata dal suo gruppo di lavoro, composto da 33 persone.
Dallo studio è emerso che sono 27 i circoli romani del Pd in cui “gli interessi particolari prevalgono, sovrastano o annullano gli interessi generali dei cittadini del territorio di responsabilità”. Questi circoli, in cui si esercita “il potere per il potere”, sono “di qualcuno (monopolio)” oppure rappresentano “l’arena di uno scontro di poteri”. Qui il partito è “dannoso perché blocca il confronto sui contenuti, premia la fedeltà di filiera, emargina gli innovatori”.
I circoli in questione sono indicati in questa tabella tratta dalla relazione finale di Mappa il Pd, postata sul sito de I luoghi ideali.

Mappa il Pd: le altre tipologie di circolo
Le altre tipologie di circolo, individuate mediante la somministrazione di un questionario standard di 213 domande, sono:
Progettare il cambiamento: qui “gli interessi generali dei cittadini del proprio perimetro di responsabilità vengono privilegiati rispetto a interessi particolari e sono perseguiti costruendo progetti”.
Ponte fra …read more

    

Pubblicato in News, Potere e Società | Lascia un commento

Impresentabili: è psicodramma nel Pd Vincenzo De Luca: “Denuncio la Bindi”

Fonte: Termometro Politico

By Antonio Atte

impresentabili

La presentazione della lista dei candidati “impresentabili” alle prossime elezioni regionali, da parte della commissione parlamentare Antimafia presieduta da Rosy Bindi, ha dato il via a un vero e proprio psicodramma collettivo nel Pd. Dopo Matteo Orfini ed Ernesto Carbone – il primo ha stigmatizzato l’iniziativa della Bindi parlando di “processi in piazza”, il secondo ha lamentato una violazione della Costituzione – ad intervenire è stato proprio Vincenzo De Luca, unico candidato alla carica di governatore presente nella lista dei 17.
In una nota diramata dal suo ufficio stampa, De Luca ha affermato di voler denunciare Rosy Bindi per diffamazione, sfidandola “ad un pubblico dibattito per sbugiardarla”.
Impresentabili: Salvini esulta
Sul suo profilo facebook esulta il leader della Lega Nord Matteo Salvini: “Non ci sono leghisti fra i candidati ‘impresentabili’ – scrive Salvini – Ne ero sicuro, ne sono orgoglioso!”.

Non ci sono Leghisti fra i candidati “impresentabili”.Ne ero sicuro, ne sono orgoglioso!Amici, chi di voi domenica voterà LEGA???
Posted by Matteo Salvini on Venerdì 29 maggio 2015

Impresentabil, Di Maio: “Per De Luca Game Over”
Anche Luigi Di Maio del Movimento Cinque Stelle sceglie Facebook per commentare la presentazione della lista degli impresentabili: “La commissione Parlamentare Antimafia ha appena partorito i nomi degli impresentabili a queste …read more

    

Pubblicato in News, Potere e Società | Lascia un commento